Make your own free website on Tripod.com

 

ONORIFICENZA ALL'ORDINE DELLA STELLA DELLA SOLIDARIETA'

       In un atmosfera tipicamente estiva, dove il dolce profumo del gelsomino che aleggiava nell'aria  avvolgendo   tutti nella profumata fragranza , il Console Nicola Manduzio ha consegnato a nome del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano  l'onorificenza dell'ordine della Stella della Solidarieta' a Padre Ibrahim Faltas, Parroco di Gerusalemme, Rappresentante della Custodia presso le autorità Palestinesi ed Israeliane,  investendolo del titolo di Cavaliere.

       Il riconoscimento  dell'Onorificenza della Stella della Solidarietà, antico e prestigioso Ordine istituito nel 1947  dalla Presidenza della Repubblica e rivolto a tutti coloro che negli anni  del dopo guerra sino ad oggi si sono prodigati a dare un contributo significativo al prestigio dell'Italia.

       Il Console Nicola Manduzio, nel consegnare l'onorificenza a Padre Ibrahim Faltas ha voluto ricordare con commozione, gli anni in cui Padre Ibrahim Faltas era direttore della Terra Santa College di Betlemme e come sia stato il protagonista delle trattative durante i trentanovegiorni dell'Assedio della Basilica della natività di Betlemme, di cinque anni fa.

 

       Sin da allora l'opera di pace e di solidarietà  incessantemente portata avanti da Padre Ibrahim Faltas,ha trovato  nell'Italia e negli Italiani un sostegno e dei partners che insieme, come una lunga cordata di amici con passione e dedizione  seguono e condividono tanti  progetti, instaurando così una vera alleanza di solidarietà.

       E' stato così possibile  avviare il “Progetto di Educare alla Pace” , che è nato dal desiderio di aiutare i giovani ad una conoscenza reciproca, soprattutto tra i giovani israeliani e palestinesi che hanno avuto l’infanzia segnata dagli anni di conflitto,  aiutandol ad abbattere le diffidenze e i pregiudizi,  per aprire la mente alla conoscenza,  a un  dialogo profondo,  aperto e sincero, addolcendo il cuore all’accoglienza. Tutta la storia attuale  dell’umanità c'impone  di ripensare all’educazione del mondo giovanile, richiamare al rispetto  e all’amore della vita, seminare nei nostri giovani la speranza, la certezza che solo il bene può sconfiggere il male.

       E' stato possibile effettuare questo percorso  attraverso l'Italia, che in questo bisognerebbe definirLa campione di  solidarietà, in quanto da anni accoglie con disponibiltà diversi  gruppi giovanili, facendosi  promotore di  una nuova stagione di dialogo e di pacificazione tra i popoli, per un progresso civile affidato proprio ai nostri giovani di oggi, saranno loro il nostro futuro. 

       La serata in un clima veramente familiare si e' conclusa con i festeggiamenti e con sentiti ringraziamenti da parte del Console Nicola Manduzio, per la presenza di tutti che ha contribuito a rendere ancora più bello questo momento tutto “Italiano”

FIRST COMMUNION 2007