Make your own free website on Tripod.com

 

  

PROCESSIONE  SERALE  DEL GIOVEDI SANTO

DAL GETSMANI A SAN PIETRO IN GALLICANTU

20 MARZO 2008

_______________________________________________________

 

ORA SANTA NELLA NOTTE DELLA PASSIONE

UN'ORA DI PREGHIERA CON GESÙ NEL GETSEMANI

La devozione dell'Ora Santa ha la sua origine nella preghiera che Gesù fece nell'Orto degli Ulivi (o Getsemani), la vigilia della sua morte, nella notte tra il giovedì e il venerdì santo.

 

Dopo la grande celebrazione del Giovedì Santo, i fedeli della parrocchia San Salvatore si sono uniti alla grande folla di pellegrini, giunti da tutto il mondo, per vegliare al Getsmani nella preghiera dell’ora santa.

La chiesa del Getsmani era gremita di gente, unita alla numerosa la presenza di tanti  religiosi,   che nel silenzio e nel bisbiglio della preghiera, ognuno riviveva nel proprio cuore le parole di Gesù, di abbandono nelle mani del padre.

 

Lo sguardo fisso sulla pietra del Getsmani come punto da dove attingere la forza della preghiera, che  alimenta la speranza, perché nulla più del pregare con fede esprime la realtà di Dio nella nostra vita. Anche nella solitudine della prova più dura, niente e nessuno possono impedirmi di rivolgermi al Padre, "nel segreto" del mio cuore, dove Lui solo "vede", come dice Gesù nel Vangelo (cfr Mt 6,4.6.18). Preghiera con il Padre solitaria a tu per tu nel deserto, preghiera colma di "angoscia mortale" nell’Orto degli Ulivi. Ma sia nell’una che nell’altra circostanza, è pregando che Cristo smaschera gli inganni del tentatore e lo sconfigge. La preghiera si dimostra così la prima e principale "arma" per "affrontare vittoriosamente il combattimento contro lo spirito del male"

 

Al termine, una fiumana di gente con i flambeaux ha illuminato la via che scende dal Getsmani a San Pietro in Gallicantu, dove i giovani cristiani lavoratori hanno animato la preghiera e la meditazione conclusiva del giovedì santo, coinvolgendo tutti in canti che esprimono la gioia di voler camminare con Gesù.