Make your own free website on Tripod.com

 

Mai come in questo momento sentiamo risuonare dentro il nostro cuore, e fare nostro l’invito del Salmo: “lodate il Signore ...  cantate a Lui canti di gioia, meditate tutti i suoi prodigi”. Grandi  infatti sono i divini Misteri che abbiamo celebrato: il mistero  dell’offerta originaria fatta nel Tempio da Maria, del suo Figlio al  Signore, ed il Mistero dell’amore umano coniugale che diventa  simbolo reale dell’amore stesso di Cristo verso la Chiesa.

 E alla luce di questa consapevolezza, che Domenica 19 novembre 2006, il coaudiatore del Patriarca Latino,  Mons.Fouad Twal, ha benedetto le coppie di coniugi che hanno celebrato il loro giubileo, durante la celebrazione della S. Messa.

In un clima di grande emozione, dove l’atmosfera della festa si è fatta palpitante, ricca di tanti  ricordi e di eventi trascorsi insieme ,hanno rinnovato le promesse matrimoniali, moltissime coppie, dalle più giovani che festeggiavano il loro primo anno di sposalizio, a coloro che festeggiavano il 25° anniversario di matrimonio e allo straordinario evento di una coppia di anziani coniugi che hanno raggiunto un traguardo davvero invidiabile del loro 60° anno di vita matrimoniale, testimoniando con la loro presenza che nonostante  le tante difficoltà, la sicurezza e la fiducia  che nascono  nell’amore familiare, aiuta a  costruire e ricostruire  quel germe imprescindibile della  nuova società civile, basata sul fondamento della famiglia.

 Tutta la comunità parrocchiale si è stretta nella preghiera e nella gioia intorno alle coppie dei coniugi, seguendo con particolare attenzione e devozione la Santa Messa, animata dai canti, che rafforzavano l’invito alla preghiera nella lode e nel ringraziamento al Signore.

L’ offertorio è stato ricco di segni che hanno aiutato tutti a comprendere l’abbondanza che nasce dal sacramento del matrimonio.

Sono stati offerti all’altare dei fiori, simbolo della freschezza e del colore della vita, che l’amore coniugale fa scaturire, nonostante ci possano essere delle “spine” che possano affliggere la vita matrimoniale.

I bambini che rappresentano la manifestazione di quel dono di Sé, di quell’amore alla vita, che spinge Cristo a donare se stesso al Padre per la nostra salvezza, ed è in forza di questo dono, assolutamente gratuito che si concretizza la massima espressione dell’amore di Dio nella coppia.

Gli anelli nuziali, a rappresentare il simbolo di una unione,  di una promessa fatta a Dio che indica un patto d’alleanza che costituiscono l’essenza stessa del matrimonio e della famiglia che diventa testimone dello splendore  emanato dal vero amore coniugale, che cresce e si rinsalda negli anni in uno stile di accoglienza, di perdono e di riconciliazione e di condivisione con la comunità.

Al termine della celebrazione, tutti sono stati invitati a partecipare nel salone parrocchiale, ad uno squisito rinfresco, nel segno della gioia e della condivisione. 

Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.
Click for larger image.